Lugo Music Festival, quando la musica anima pievi, piazze e giardini nascosti

Quello di quest’anno sarà un festival dedicato ai luoghi, insoliti ma suggestivi. Venerdì 7 il concerto all'alba nel centro di Lugo

Nessun filo conduttore specifico, se non l’intreccio dinamico e curioso tra musica, natura, cinema e scuola. Si presenta così l’ottava edizione del Lugo Music Festival, che prenderà il via venerdì 7 giugno. Concerti, spettacoli, laboratori e mostre: ad accompagnare il pubblico fino a novembre, un calendario ricco di appuntamenti, in cui a fare da denominatore comune è la volontà di «promuovere e valorizzare un territorio che ogni anno ha nuove storie da raccontare». Un territorio a cui Matteo Penazzi, violinista e direttore artistico del festival, è particolarmente affezionato.

Messaggio promozionale


Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo nel numero del nostro settimanale disponibile in edicola e in edizione digitale arricchita!
Ora è possibile acquistare anche la copia digitale (in formato pdf) del giornale dal nostro sito di e-commerce:
 fai click qui!


Il programma
Quello di quest’anno sarà un festival dedicato ai luoghi. Luoghi insoliti, ma suggestivi. Non teatri o arene, ma giardini nascosti, campi di grano, pievi e santuari storici in cui il tempo sembra essersi fermato.
Uno degli eventi più attesi ormai dell’estate invece è il concerto all’alba sul monumento a Francesco Baracca: venerdì 7 giugno alle ore 6 Lugo accoglierà Federico Mecozzi, noto per la sua collaborazione con Ludovico Einaudi, con un concerto dove la musica classica contemporanea incontra il folk e l’elettronica. Insieme a lui sul palco Veronica Conti, Anselmo Pelliccioni, Massimo Marches, Tommy Graziani e Stefano Zambardino.
Dall’alba fino al tramonto: venerdì 14, alle 19.30, il giardino di un’abitazione privata in via Gesuita Ponente sarà animato dalla voce pop-soul della cantante francese Kelly Joyce. A proposito di atmosfere suggestive, è doveroso menzionare il gala del 19 giugno dedicato a Giacomo Puccini, in occasione dei 100 anni dalla sua scomparsa. Il palcoscenico del tenore David Esteban e del soprano Claudia Nicole Calabrese, che porteranno in scena le arie e i duetti più famosi del compositore, sarà una location d’eccezione: il piazzale dell’antica pieve di Campanile. Nella stessa settimana venerdì 21 giugno alle ore 21 si terrà nel giardino del Santuario della Beata Vergine di Loreto a Passogatto l’esibizione alla chitarra di Franco Morone, con la partecipazione di Raffaella Luna e l’apertura del concerto del giovanissimo Filippo Mazzotti.
Ci sono anche luoghi, di norma inaccessibili al pubblico, che apriranno straordinariamente le loro porte. Un esempio è il giardino privato della boutique A.n.g.e.l.o. Vintage, che  domenica 23 ospiterà il Sinafi trio. A chiudere in bellezza la rassegna estiva, l’omaggio al musicista e compositore argentino Astor Piazzolla, in programma giovedì 27 giugno ed eseguito dall’Itaka trio.
Il programma completo e tutte le informazioni sugli eventi sono disponibili sul sito del festival: https://lugomusicfestival.org/


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità



LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Digita il tuo nome