Il nuovo disco del pianista Pietro Beltrani, «il mio omaggio a Gershwin»

Il pianista imolese ha rielaborato le più belle opere del compositore che ha saputo unire classica e jazz. Nel numero in edicola l'intervista!

America, anni Venti, il mondo che cambia in fretta, tutto va veloce. In questo scenario si muove George Gershwin, un genio musicale autodidatta, che intreccia la tradizione classica occidentale con i generi e gli stili emergenti dell’America contemporanea. Convinto che la sua musica abbia ancora molto da dire a chi ascolta, il pianista Pietro Beltrani gli ha dedicato un disco, pubblicato con la Da Vinci Records, che vuole essere un tributo a una parte della produzione di Gershwin, dandole una nuova veste.
Beltrani, di origini imolesi «ma lughese d’adozione», come lui stesso si definisce, si è diplomato al conservatorio Rossini di Pesaro e ha poi proseguito gli studi all’Accademia pianistica di Imola e infine al conservatorio Maderna di Cesena. «Gershwin è uno degli artisti che più ha avvicinato la classica e il jazz, due generi che fanno da sempre parte di me e che spesso ho unito insieme – ci racconta il pianista nell’intervista che trovate nel numero del 22 febbraio -. Proprio per questa sua doppia anima, per questo suo unire generi diversi, Gershwin non viene considerato un compositore classico. Ciò che ha fatto è stato rivoluzionario, era un innovatore».
Il nuovo disco, realizzato insieme al Beltrani Modern Piano Trio, di cui fa parte insieme al violinista Daniele Negrini e al violoncellista Tiziano Guerzoni, in collaborazione con l’Orchestra Senzaspine di Tommaso Ussardi, sarà presentato il 28 febbraio al centro culturale Mercato Sonato di Bologna. Oltre che in formato cd, dal 23 febbraio il disco sarà disponibile anche sulle piattaforme digitali.


Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo nel numero del nostro settimanale disponibile in edicola e in edizione digitale arricchita!
Ora è possibile acquistare anche la copia digitale (in formato pdf) del giornale dal nostro sito di e-commerce: fai click qui!


Numero 8 – 22 febbraio 2024 – Tutte le pagine

© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità