Il cardinale Zuppi a Lugo per ricordare i fondatori delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante

Il presidente della Cei celebrerà la messa in cui si ricorderanno il venerabile monsignor Marco Morelli e la venerabile madre Margherita Ricci Curbastro

Sabato 15 ottobre nella chiesa di San Francesco di Paola in Lugo, con la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Matteo Maria Zuppi alle 18, si farà memoria dei 110 anni della nascita al Cielo del venerabile monsignor Marco Morelli e dei 100 anni della venerabile madre Margherita Ricci Curbastro, fondatori della congregazione delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante. La loro vita e la loro opera hanno lasciato un segno indelebile nella Chiesa, nella Diocesi di Imola, nella città di Lugo.
Così si legge nelle Memorie del tempo: «Monsignor Marco Morelli, dopo aver percorso “con la croce sulle spalle” il cammino ideale “verso il Santo Monte”, quell’itinerario di santità, che aveva intravisto con chiarezza fin dagli anni giovanili, si accinge ora a “bruciare” l’ultimo tratto di salita. Verso la fine di giugno del 1912, le sue condizioni di salute precipitano e il giorno 26 il medico dichiara che la malattia è mortale. Dopo aver chiesto e ricevuto i Sacramenti degli infermi e la benedizione speciale del papa Pio X, “il 27 giugno 1912, alle ore 13.30, spirava il santo fondatore. Fu un grido solo: è morto un santo!”».
Nella stampa locale il giorno immediatamente successivo alla morte di madre Margherita Ricci Curbastro: «Dopo quattro mesi di inenarrabili sofferenze, sopportate con una forza d’animo di santa, si è spenta suor Margherita Ricci Curbastro, al secolo Costanza, Fondatrice e Superiora generale delle Ancelle del Sacro Cuore di Gesù Agonizzante. Specialmente dopo la morte di mons. Marco Morelli, resse da sola l’opera sempre più vasta, numerosa di Suore e di opere di carità. La resse dimostrando qualità eccezionali di fermezza e saggezza, qualità che ognuno avvicinandola avvertiva, restandone ammirato».


 

Messaggio promozionale
Pubblicità