L’autore racconta con brevi tratti autobiografici come era Imola dalla metà degli anni Trenta al 1960, la sua vita, le sue usanze, i suoi costumi, le sue tensioni, la grande umanità e la laboriosità dei suoi abitanti.