A dieci anni dalla morte il libro delinea la figura di don Casimiro Sbarzaglia. Il gran bene da lui compiuto, soprattutto a Sesto Imolese e Balia, continua a proliferare, per effetto dell’esempio lasciato in eredità alla sua gente e per senso di gratitudine da parte di quanti vennero da lui beneficati in vari modi.