Nella prima sera d’estate al museo diocesano si parla di come progettare e conservare un giardino storico

Protagonista sarà Edoardo Santoro, conservatore del Giardino botanico medievale di Palazzo Madama di Torino

Nella foto il giardino storico del palazzo vescovile

Il primo incontro serale dei tre organizzati dal museo diocesano di Imola nell’ambito di Sere d’estate nel Giardino storico. Incontri nel verde, vedrà protagonista, giovedì 13 giugno alle 21, Edoardo Santoro. Conservatore del Giardino botanico medievale di Palazzo Madama di Torino, Santoro parlerà al pubblico di come progettare, conservare e valorizzare un giardino storico, partendo appunto dall’esperienza del giardino torinese di cui è curatore.
Santoro descriverà cosa sia un giardino storico, le differenze e le analogie tra un giardino botanico medievale e un giardino all’italiana di impianto tardo settecentesco quale è il giardino storico del palazzo vescovile di Imola (nella foto), sottolineando poi le delicate fasi di progettazione, conservazione e valorizzazione di una tipologia di giardino quale quello storico, così presente sul territorio italiano anche ai giorni nostri. La conversazione sarà accompagnata dalla proiezione di immagini.

Messaggio promozionale

Santoro è laureato in scienze e tecnologie agrarie ed è curatore botanico dei giardini dei musei di Torino, è docente di corsi di giardinaggio, botanica e agricoltura per enti, istituzioni e associazioni e organizza e guida gite e viaggi botanici in Italia ed Europa.
Le prime notizie sul giardino del castello di Torino risalgono al 1402, durante il governo di Ludovico principe d’Acaia (1402-1418). Le fonti che citano il giardino sono i conti delle spese fino al 1516. Per ricreare il giardino sono state quindi seguite le indicazioni contenute in questi documenti medievali, rispettando la tradizionale suddivisione dello spazio in hortus (orto), viridarium (bosco e frutteto) e iardinum domini (giardino del principe) come anche la presenza degli arredi tradizionali (falconara, porcilaia, recinto delle galline).


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità