Se non avessi la Carità… Un libro sulla vita di don Tarcisio Foresti

La pubblicazione dell'editrice Il Nuovo Diario Messaggero dedicata a un autentico pastore di anime sarà presentata sabato 1 giugno

«Amava ripetere e ripetersi l’invocazione di san Paolo: “Se anche avessi il dono della profezia e possedessi la pienezza della fede, ma non avessi la carità, non sarei nulla”». Con questa frase monsignor Giuseppe Fabiani ha descritto don Tarcisio Foresti subito dopo la sua morte. E una parte di questa frase dà il titolo al nuovo libro pubblicato dall’editrice Il Nuovo Diario Messaggero. Se non avessi la Carità… vita di monsignor Tarcisio Foresti sacerdote per la Diocesi di Imola (1924-2016), scritto da Andrea Ferri, sarà presentato sabato 1 giugno alle 10.30 nella sala grande del museo diocesano (piazza Duomo, 1). Una giornata per ripercorrere il servizio preziosissimo di un sacerdote molto apprezzato a Imola come a Bergamo (sua Diocesi d’origine) e che si è speso nei più svariati ambiti.

Messaggio promozionale


Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo nel numero del nostro settimanale disponibile in edicola e in edizione digitale arricchita!
Ora è possibile acquistare anche la copia digitale (in formato pdf) del giornale dal nostro sito di e-commerce:
 fai click qui!


Una vita per la Diocesi di Imola
Ordinato sacerdote nella cappella di Clusone (Diocesi di Bergamo) l’8 agosto 1948, nel settembre dello stesso anno fa il suo ingresso a Imola come segretario di monsignor Benigno Carrara. Nel 1970, viene nominato vicario economo della parrocchia di San Michele di Tossignano, di cui diventerà parroco nel 1975. Due anni più tardi sarà anche vicario pastorale della vallata. Tra il ‘71 e il ‘73 don Tarcisio inizia un primo periodo di visite, che ripeterà altre volte, in Brasile e sarà tra i promotori del Progetto Chiese Sorelle. Stimato e apprezzato in diocesi, nel 1990 diviene delegato per i problemi sociali e del lavoro e nel 1994 direttore della Caritas diocesana, carica che ricoprirà fino al 2001.
Il 16 gennaio 2016, a Imola, si spegne a 92 anni. Dopo le esequie nella cattedrale di San Cassiano (qui l’omelia pronunciata dal vescovo Ghirelli durante il funerale e il testamento spirituale di don Tarcisio), viene sepolto nel cimitero di Borgo Tossignano.


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità