Lavori alla rocca di Dozza, riapre la sala grande dopo il restauro

Non solo il recupero delle strutture architettoniche originali, ma anche il rinnovo degli impianti e il restauro di alcune opere presenti

La sala grande della rocca di Dozza torna ad accogliere i visitatori. Dopo mesi di ristrutturazione e restauro, da oggi (venerdì 29 marzo) è possibile visitare questo raffinato ambiente ed ammirare le migliorie apportate.
La sala è il «cuore pulsante della Rocca in cui, nel corso degli anni, sono stati ospitati eventi culturali, concerti, matrimoni, conferenze e molto altro». L’ambiente ha subìto un attento processo di riqualificazione che ha coinvolto non solo il recupero delle strutture architettoniche originali, ma anche il rinnovo degli impianti e soprattutto il restauro di alcune opere conservate al suo interno.

Messaggio promozionale

L’intervento di restauro, ideato realizzato dalla Fondazione Dozza Città d’Arte, è stato patrocinato dall’amministrazione comunale, ente che ne detiene la proprietà dal 1960, ed è stato possibile grazie alle risorse stanziate dalla stessa Fondazione Dozza Città d’Arte, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, da Tiziano Grandi e da altri mecenati dell’Art Bonus. L’investimento ammonta a circa 140.000 euro, come spiega Simonetta Mingazzini, presidente della Fondazione Dozza Città d’Arte. «Si è trattato di un obiettivo programmatico ambizioso, che il compatto consiglio direttivo ha voluto realizzare a conclusione di un decennio particolarmente intenso di attività e di migliorie di cui non possiamo che andare fieri – afferma Mingazzini -. Non è mai mancata la collaborazione con l’amministrazione comunale, l’impegno di collaboratrici e collaboratori interni ed esterni e il coinvolgimento di funzionarie esperte della Soprintendenza».


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità