Musica alta alle 4 di notte, poi dà in escandescenze: 25enne arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

Dopo la convalida dell'arresto il giovane, volto già noto ai carabinieri, è stato rimesso in libertà

Carabinieri di Medicina. Foto di repertorio

I carabinieri di Medicina, nel corso della notte di sabato 9 marzo hanno arrestato un 25enne italiano, operaio già noto alle forze dell’ordine, accusato del reato di resistenza a pubblico ufficiale.
Tutto inizia con una chiamata alla centrale operativa del 112 da parte di alcuni residenti per musica e schiamazzi all’interno di un’abitazione alle 4 di mattina.
I militari si sono presentati al campanello e sono entrati nella casa, dove hanno riconosciuto un volto “noto”, ovvero il ragazzo 25enne successivamente arrestato.
Insospettiti dal forte odore di marijuana e dalla presenza di un grinder sul tavolo (usato di solito per tritare la marijuana), i militari avrebbero informato gli occupanti di voler procedere a perquisizione.
È stato allora che il 25enne si sarebbe opposto, dando in escandescenze: «Avrebbe iniziato a urlare e a proferire frasi offensive verso i carabinieri – riferiscono dal comando provinciale dell’Arma -. All’invito di mantenere la calma, il 25enne avrebbe spintonato e sgomitato, con l’intendo di divincolarsi ed evitare la perquisizione, prima di essere definitivamente bloccato. Il giovane avrebbe anche tirato una testata a uno dei carabinieri intervenuti».

Messaggio promozionale

Il 25enne è stato portato in caserma per le procedure di rito ed il foto segnalamento. Dopo la celebrazione del processo con rito per direttissima, svoltosi su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna nella mattinata di sabato, l’arresto è stato convalidato ed il 25enne rimesso in libertà senza irrogazione, al momento, di misura cautelare alcuna.


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità