Conselice, si dimette il vicesindaco Fabbri. «Logoramento del rapporto fiduciario con sindaco e giunta»

La replica della prima cittadina Paola Pula: «Sorpresa per il metodo adottato e per le motivazioni addotte»

L’assessore e vicesindaco di Conselice Gianfranco Fabbri ha annunciato di aver presentato alla sindaca Paola Pula le sue «dimissioni irrevocabili dalla carica di vicesindaco e di assessore con deleghe all’urbanistica, edilizia privata, lavori pubblici e patrimonio, polizia locale, legalità e sicurezza» come annuncia lo stesso Fabbri in un comunicato. Le motivazioni di tale decisione, presa a pochi mesi dalle elezioni amministrative del 2024, sarebbero da ricercarsi nel «crescente e progressivo logoramento del rapporto fiduciario con il sindaco e parte della giunta, che ho invece sempre considerato la condizione indispensabile per svolgere con serenità, passione e costruttività il mio mandato, al quale so in coscienza di non avere mai fatto mancare il più alto impegno, in particolare nel rispetto e nell’interesse dei miei concittadini – scrive Fabbri -. Un’amministrazione deve lavorare in gruppo e con coesione. I componenti devono sentire fiducia ed essere rispettati, sensazioni che personalmente non percepisco più da tempo».

Messaggio promozionale

La risposta della sindaca Pula
La risposta dell’amministrazione comunale di Conselice è affidata a un comunicato stampa.  «Apprendo con sorpresa e dispiacere, a pochi mesi dalla fine del mandato, delle dimissioni del vicesindaco – è il commento della prima cittadina, Paola Pula -. Con Fabbri abbiamo condiviso un progetto politico, sul quale abbiamo ricevuto la fiducia dei cittadini, dall’inizio del mandato e fino a oggi. Un mandato estremamente difficile, con in mezzo come sappiamo prima la pandemia, poi la crisi dei costi e infine le due tragiche alluvioni. Sono sorpresa per il metodo adottato e per le motivazioni addotte; in questi anni abbiamo sempre lavorato di comune accordo e in squadra e mai sono emerse, da parte del vicesindaco e degli altri componenti della giunta, voci contrarie o critiche alle decisioni assunte e alle scelte fatte sempre collegialmente. Gli obiettivi del nostro lavoro sono sempre stati condivisi e mai fino a oggi erano emerse problematiche tali che facessero presagire questa decisione proprio a ridosso della fine del mandato e a pochi giorni dall’approvazione del Documento unico di programmazione e del bilancio di previsione 2024-2026».
«Ringrazio Fabbri per il lavoro svolto insieme in questi anni, che non credo possa o voglia disconoscere – conclude la prima cittadina -. Provvisoriamente mi occuperò io della gestione dell’assessorato, ma a breve le deleghe saranno nuovamente assegnate contestualmente alla definizione dei nuovi assetti di giunta».


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale
Pubblicità