Vendemmia 2023: meno quantità, buona qualità. E la manodopera…

Nel numero in edicola un approfondimento sulla vendemmia 2023 con il Consorzio Vini di Romagna e diverse aziende del nostro territorio

Settembre. La vendemmia entra nel vivo, tra aree di produzione in pianura dove ci si appresta a partire e altre, più in collina, dove le prime uve come Pinot grigio, Chardonnay e Moscato sono state pressoché tutte già poste in cantina. Le previsioni, al netto degli eventi climatici e delle malattie fungine, parlano di una minore quantità, ma di una buona qualità. Attualmente, la produzione delle uve precoci ha registrato un -15% circa e per gli altri vitigni la tendenza sembra la stessa. Meritevoli di attenzione anche la difficile reperibilità di manodopera e il lavoro di comunicazione e valorizzazione dei prodotti locali a cui è chiamato l’intero settore.
Nell’articolo completo, che trovate nel numero del nostro settimanale in edicola da giovedì 7 settembre, abbiamo riportato le parole del presidente del Consorzio Vini di Romagna, Roberto Monti, insieme a quelle delle aziende agricole e viticole locali, che dopo frane, alluvioni e siccità fanno il punto sulla raccolta.
Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo nel numero del nostro settimanale disponibile in edicola e in edizione digitale arricchita!
Ora è possibile acquistare anche la copia digitale (in formato pdf) del giornale dal nostro sito di e-commerce: fai click qui!


© Riproduzione riservata

Messaggio promozionale