Pattinaggio, l’imolese Jacopo Campoli trionfa ai campionati europei

Il pattinatore dell'Imola Roller si è laureato, in coppia con la partner Matilde Caputo, campione europeo. Per lui anche la sesta posizione nel singolo

per l’Imola Roller è di nuovo tempo di festeggiare. Il diciottenne imolese Jacopo Campoli torna, infatti, protagonista della scena insieme alla bolognese Matilde Caputo (TM Roller Academy), sua partener da ormai due anni.
Il 2 settembre scorso, la coppia è volata ad Andorra per partecipare ai campionati europei di pattinaggio artistico. Campionati che hanno regalato non poche soddisfazioni: partendo dal titolo di campioni europei, con il quale si sono laureati i due giovani pattinatori,  e passando dal sesto posto conquistato da Campoli nel singolo.

Una coppia che scoppia
«Non è solo una vittoria, ma anche una bella rivincita dopo l’esperienza dell’anno scorso, quando siamo arrivati al terzo posto – racconta il pattinatore imolese –. Quest’anno eravamo molto determinati, ci siamo impegnati tanto e, alla fine, siamo stati premiati».
La coppia è scesa in pista l’8 settembre per il programma breve (3 minuti), e il 10 per quello lungo (4 minuti e 40), dilettandosi in sollevamenti, trottole in parallelo, spirali e salti lanciati. Dopo aver assaporato la meritata vittoria, i due pattinatori si concentrano su quello che potrebbe essere il prossimo step: «Speriamo di essere convocati per i mondiali che si svolgeranno a Buenos Aires l’ultima settimana di ottobre – rivela Campoli –. Stiamo aspettando che escano i comunicati ufficiali, poi si vedrà».

…e nel singolo
Jacopo non si è fatto mancare nulla. Dopo il trionfo in coppia, il diciottenne imolese si è aggiudicato anche la sesta posizione nel singolo: «Considerato il livello degli avversari, che hanno portato programmi con contenuti tecnici più forti, sono soddisfatto della mia performance, soprattutto per essere riuscito a gestire l’ansia sino alla fine». Le gare sono andate in scena sulla falsa riga di quelle in coppia: l’8 il programma corto e il 10 quello più lungo, tra salti, trottole, e diverse serie di passi.