Imola, due casi di virus West Nile registrati dall’Ausl

Si tratta di un 74enne imolese e di un 48enne di Castel Guelfo. L'infezione viene trasmessa all'uomo dalle zanzare

Foto di repertorio

Due casi di infezione da virus West Nile sono stati registrati sul territorio del circondario imolese negli ultimi 2 giorni. A comunicarlo è l’Ausl di Imola: «Si tratta di un imolese di 74 anni, ricoverato a seguito di un accesso al pronto soccorso del 3 agosto scorso – comunica l’Ausl -. La diagnosi è di meningite virale e le sue condizioni cliniche sono stabili e sotto controllo. Una ulteriore segnalazione appena pervenuta riguarda invece un 48enne di Castel Guelfo, del tutto asintomatico, la cui positività al virus West Nile è emersa casualmente attraverso un controllo ematico di routine».
Come già specificato nella nota emessa ieri dall’Ausl, l’infezione da virus West Nile (WNV) è trasmessa all’uomo da zanzare del genere Culex (zanzara comune) e l’uomo, come pure i cavalli, non è in grado di trasmettere l’infezione ad altre zanzare né ad altre persone.
L’infezione «decorre in modo asintomatico nella maggior parte dei casi – rassicura l’Ausl -, ma può anche presentarsi con febbre, cefalea, e altri sintomi lievi a risoluzione spontanea o, sporadicamente, manifestarsi con forme più gravi che interessano il sistema nervoso centrale (meningite, meningoencefalite)». Il virus può essere pericoloso soprattutto in pazienti già debilitati.

Sono già diversi i Comuni che, su richiesta dell’Ausl, hanno emanato un’ordinanza nella quale si disponga l’obbligo – in capo agli organizzatori di manifestazioni all’aperto e in orari serali – «di effettuare trattamenti di uccisione di esemplari adulti di zanzare per il tramite di ditte specializzate». Inoltre anche i titolari di bar e ristoranti che dispongono di spazi di somministrazione all’aperto sono stati invitati ad adottare le medesime misure di contrasto.
«Anche i cittadini privati dovranno proseguire gli interventi nelle proprie aree – spiega l’Ausl -. La zanzara si muove al crepuscolo e si consiglia ai cittadini di utilizzare repellenti efficaci». In casa utilizzare zanzariere e apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine (ma sempre con le finestre aperte).