Pitbull azzanna un uomo e uccide due galline, abbattuto a colpi di fucile

A Villa Fontana di Medicina un episodio che ha portato a una denuncia per lesioni colpose e a una querela per uccisione di animale

Foto di repertorio

Si è chiusa con una denuncia per lesioni colpose e una querela per uccisione di animale la fuga di due cani, razza pitbull, dal cortile di casa.
I fatti risalgono al pomeriggio di sabato 23 luglio a Villa Fontana, frazione di Medicina, dove abita la proprietaria dei due animali.
Pare che i cani abbiano trovato il modo di evadere dal recinto di casa e darsi alla fuga per le vie della frazione. La loro corsa si è conclusa nel cortile di un’abitazione vicina a quella della proprietaria dei cani dove i due animali hanno attaccato alcune galline lì custodite,  ammazzandone due.
«Il proprietario delle galline a quel punto è arrivato in cortile e ha cercato di proteggere i propri animali – ricostruiscono i carabinieri della tenenza di Medicina -. È stato allora che uno dei due cani ha aggredito l’uomo, un 61enne, provocandogli ferite al polpaccio, alla mandibola e al volto». Le grida del 61enne hanno attirato l’attenzione del figlio 28enne che è uscito dall’abitazione imbracciando un fucile da caccia detenuto regolarmente per cercare di aiutare il padre aggredito. «Il 28enne ha sparato a uno dei due cani, uccidendolo, e mettendo in fuga l’altro animale» riferiscono dall’Arma.
Ma quando il peggio sembrava passato, sul luogo dell’aggressione è arrivata la proprietaria dei due cani, una ragazza di 25 anni, che, vedendo uno dei propri animali domestici a terra senza vita, si è alterata. Ne è seguito un parapiglia che ha richiesto l’intervento dei carabinieri di Medicina. «La proprietaria dei due cani sosteneva che ad aggredire l’uomo sarebbe stato l’altro cane e che il 28enne avrebbe ucciso l’animale sbagliato, di carattere più mansueto – riferiscono dalla tenenza -; quindi la 25enne ha presentato querela per uccisione di animale. Al contempo la giovane è stata denunciata per le lesioni colpose provocate al padre del 28enne dai cani di sua proprietà».
Il 61enne ferito è stato trasportato in ospedale dove gli è stata formulata una prognosi di 15 giorni. È in programma nei prossimi giorni una visita specialistica per valutare l’entità delle ferite subìte al volto e alla mandibola. Proseguono gli accertamenti dei carabinieri per ricostruire nei minimi dettagli l’accaduto.


© Riproduzione riservata