Castel Bolognese, contro l’aumento dei furti inaugurato il nuovo sistema di videosorveglianza

Taglio del nastro anche per la nuova sede della polizia locale, che potrà ora disporre di spazi più moderni e funzionali

Mattinata di inaugurazioni per Castel Bolognese. La cittadina sulla via Emilia ha inaugurato oggi il nuovo impianto di videosorveglianza installato negli scorsi mesi che ha portato a 70 il numero delle telecamere puntate su strade e parchi del territorio comunale. Sono 32 le nuove videocamere, installate anche nel centro della città e sotto i portici della via Emilia. All’inaugurazione era presente il prefetto di Ravenna Castrese De Rosa che ha poi partecipato alla riunione del comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica insieme al sindaco Luca Della Godenza, ai vertici provinciali delle forze di polizia, al comandante del presidio della Polizia Locale e a una rappresentanza della giunta e del consiglio comunale.
L’investimento complessivo è stato di 170mila euro di cui 80mila finanziati dalla Regione e la restante parte dal Comune.
Nel corso della riunione del comitato è stato poi svolto un esame dell’andamento della delittuosità nel territorio comunale riferita sia al triennio 2019-2021 che al primo semestre dell’anno in corso. Nei sei mesi appena trascorsi sono risultati in aumento (rispetto allo stesso periodo del 2019) i reati predatori (tra cui furti e furti in abitazione), aumentati del 25,59%, stando ai dati forniti dalla prefettura.
Questo dopo un periodo, quello dal 2019 al 2021, in cui i dati forniti dalle forze di polizia avevano posto in risalto un decremento dei reati denunciati (–13,74%), così come per i reati predatori: in particolare, in questo lasso di tempo i furti totali erano diminuiti del 10,94% e i furti in abitazione del 25%. Con il nuovo sistema di videosorveglianza si spera quindi di indurre un effetto deterrente nei confronti di questi reati, come spiega il prefetto De Rosa: «L’incremento dei sistemi di videosorveglianza è essenziale per l’attività di prevenzione e repressione dei reati, costituisce un importante deterrente e, laddove vengono perpetrati reati, può rendere maggiormente efficace l’attività investigativa».
Contestualmente il comitato ha poi proceduto a inaugurare la nuova sede della polizia locale che potrà ora disporre di spazi più moderni, funzionali e tecnologicamente attrezzati.