Lucus, il nuovo piccolo bosco urbano di Lugo

Il sindaco Davide Ranalli, l’assessora all’Ambiente Maria Pia Galletti e il vicesindaco Montalti, hanno inaugurato Lucus, il boschetto urbano che si trova vicino al cimitero di Lugo dove, su un’area di circa 3500 metri quadri, il Comune ha piantato 460 giovani alberi.
L’inaugurazione si è tenuta il 21 marzo, Giornata internazionale delle foreste. «Il nome scelto, Lucus, in latino significa “bosco sacro” e da questo è derivato il toponimo Lugo» spiega il Comune. Una denominazione simbolica per un’azione ambientale che l’assessora Galletti ha spiegato alle due classi (la 4ªC della scuola primaria Garibaldi e la 5ªB della scuola primaria Codazzi con le insegnanti) che hanno partecipato all’inaugurazione. L’intervento di forestazione urbana si è svolto tra il 28 febbraio e il 1° marzo ed è costato al Comune circa 16mila euro.
I giovani alberi, che provengono da vivai regionali, appartengono a varie specie: carpino nero (20), carpino bianco (40), frassino maggiore (20), frassino angustifolia (90), frassino orniello (60), quercus robur (20), quercus petraea (60); quercus cerris (20), quercus ilex (50), ontano nero (40), tiglio (10), nocciolo (20), ciliegio selvatico (10).
Il terreno è stato prima ripulito e lavorato, poi concimato con materiale organico e infine sono state realizzate le buche dove mettere a dimora gli alberi. A tutela della buona crescita degli alberi è stato realizzato un impianto di irrigazione che prevede il prelievo dell’acqua da un vicino pozzo e non dalla rete dell’acquedotto (o-biettivo risparmio idrico).

Messaggio promozionale


 

Messaggio promozionale
Pubblicità