Frana di Fontanelice, «presto una carreggiata provvisoria per far rientrare le famiglie»

Il primo cittadino di Borgo Tossignano Ghini: «Una volta aperta, farà decadere l’ordinanza di sgombero delle abitazioni»

Foto scattata la mattina della frana. Foto Isolapress

Passata la paura per la terra che si muove portandosi via la strada, ora l’obiettivo è far tornare a casa le quattro famiglie sgomberate. Dopo lo smottamento del 5-6 gennaio che ha distrutto un tratto di via Siepi di San Giovanni tra Fontanelice e Borgo Tossignano, le attività dei vigili del fuoco si sono concentrate sul controllo della frana attraverso dispositivi in grado di rilevare eventuali movimenti di terreno.
Dall’altro lato si è cercato di rendere il più veloce possibile il rientro a casa dei residenti evacuati, al momento ospitati al vicino agriturismo Le Siepi di San Giovanni.
«A pochi giorni dallo smottamento è stato aperto un “corridoio” provvisorio per permettere il recupero dei veicoli rimasti al di là della frana – spiega il primo cittadino di Borgo Tossignano Ghini al nostro settimanale -. Già ora i residenti, grazie alla vicinanza con l’agriturismo, possono andare nelle loro aziende agricole».
Sul fronte viabilità, sembra imminente l’inizio dei lavori per creare «una carreggiata di fortuna che, una volta aperta, farà decadere l’ordinanza di sgombero delle abitazioni – anticipa il sindaco valligiano -. Protezione civile, Consorzio di bonifica e tecnici comunali stanno studiando il percorso più adatto e sicuro. Molto probabilmente si passerà a monte dello smottamento». Per quel che concerne i tempi di realizzazione «si pensa che possa esser completa nel giro di 10-15 giorni – prosegue il primo cittadino borghigiano –. L’importante al momento è dare una strada provvisoria ai residenti, consentendo loro di rientrare nelle abitazioni e nelle aziende. Questa strada servirà anche al transito dei mezzi di soccorso e, in futuro, anche ai lavori di realizzazione della nuova strada che prenderà il posto di quella franata». Per quella i tempi, come facilmente immaginabile, saranno più lunghi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA