Imola, inaugurato il viaggio “oltre la Commedia” dei Musei civici – Foto

Un percorso cittadino in tre atti che coinvolge le tre sedi museali imolesi. Visitabile fino al 27 febbraio 2022

Tre musei, tre cantiche. Si basa su questa corrispondenza biunivoca l’esposizione Beyond the Comedy, percorso espositivo inaugurato ieri, 18 dicembre, nei Musei civici di Imola.
L’esposizione vede protagonista l’artista palermitano Lanfranco Quadrio, in un percorso cittadino in tre atti che coinvolgerà il Museo di San Domenico, la Rocca sforzesca e Palazzo Tozzoni.
Il progetto si inserisce nel solco delle iniziative per il 700° anniversario della morte del Sommo Poeta ed è curato da Diego Galizzi, direttore dei musei imolesi, con la collaborazione di Paolo Cova, storico dell’arte e divulgatore culturale all’interno di trasmissioni televisive.
«L’intento dell’artista – spiega lo stesso Galizzi – è quello di proporre una lettura personalissima ed intima della Commedia, riletta alla luce delle numerose sollecitazioni che la cronaca ci impone quotidianamente, dalla strage del Bataclan del 2015 alle forme di convivenza, alle tensioni e alla necessità di una rinnovata umanità che la pandemia sembra prefigurare per il nostro futuro».
Una lettura in tre atti che si lega anche ai luoghi che ospitano l’esposizione. In ciascuno di essi trovano collocazione composizioni di grande dimensione, visioni di forte impatto emotivo, visionarie e simboliche, che conducono i visitatori attraverso la vertiginosa e turbolenta rappresentazione dei dannati delle “Malebolge”, allestita nell’andito dell’Inquisizione del Museo di San Domenico, l’intensa e drammatica “Forse tutto è Purgatorio”, un’opera grafica larga più di dodici metri la cui collocazione nei sotterranei della Rocca sforzesca, a stretto contatto con le invocazioni graffite sui muri dai carcerati, assume anche un alto valore simbolico, per concludersi nel salone d’onore di Palazzo Tozzoni, dove in stretto dialogo con l’affresco del “Carro del sole”, dipinto sulla volta della sala, faranno la loro comparsa due grandi ali, vero segno distintivo dell’immaginario figurativo dell’artista e punto culminante dell’allegoria.

Beyond the Comedy è aperto al pubblico dal 18 dicembre 2021 al 27 febbraio 2022 nelle tre sedi museali di Palazzo Tozzoni, Rocca sforzesca e Museo di San Domenico (che riapre le porte in occasione di quest’evento limitatamente alle installazioni poste al piano terra, mentre le collezioni permanenti rimangono chiuse per i lavori al nuovo museo archeologico).
La visita ai tre musei coinvolti nel percorso può essere svolta con biglietto cumulativo per Palazzo Tozzoni e Rocca (6 euro), mentre l’ingresso al Museo di San Domenico sarà gratuito.

Di seguito una gallery con alcuni particolari delle opere