Escursionista di Lugo scivola lungo un pendio nel bellunese. Non è grave

La 44enne, durante un'escursione nelle vallate tra il Trentino Alto-Adige e il Veneto, ha perso l'equilibrio lungo il percorso. Intervenuto subito l'elisoccorso

tragedia sfiorata nella tarda mattinata di sabato scorso tra le montagne del valico alpino tra il Trentino Alto-Adige e il Veneto.
Protagonista una 44enne lughese, impegnata in un’escursione con il marito e il figlio lungo il sentiero che dal passo Monte Croce sale all’ex Rifugio Sala: un tratto che da un’altitudine di oltre 1600m della zona boschiva può arrivare ai 1900m della parte più rocciosa.
La donna pare abbia perso l’equilibrio nell’affrontare il percorso, finendo per scivolare lungo il ripido pendio per una trentina di metri.
Il marito ha subito lanciato l’allarme al 118, fornendo le esatte coordinate, che hanno permesso all’elisoccorso di individuare la donna ferita. Con un verricello di 15 metri è stata calata l’equipe medica che ha prestato le prime cure all’escursionista.
La donna è stata, poi, trasportata all’ospedale di Belluno, pare per alcune lesioni non gravi.