Oggi si svela la nuova Imolese di De Sarlo

Antonio De Sarlo, neo patron dell'Imolese Calcio 1919

Un primo assaggio di Imola c’è stato il 15 luglio, giorno successivo al closing, per visitare le infrastrutture del Centro tecnico Bacchilega. Mezza giornata, non di più, accompagnato dal direttore generale Marco Montanari, per iniziare a conoscere la sua nuova società. Poi Antonio De Sarlo è ripartito per Battipaglia, lasciando ad Aniello Martone il compito di gestire la transizione. Ma anche Martone, a inizio settimana, ha fatto rientro in Campania per chiudere il rapporto che lo lega alla Casertana (l’esclusione dei rossoblù dalla prossima serie C, se confermata dal Collegio di garanzia del Coni, lo libererà automaticamente, ndr).

Il braccio destro operativo di De Sarlo (qui le sue prime parole da neo patron dell’Imolese) ha comunque lavorato, negli ultimi giorni, per definire gli aspetti operativi della stagione che inizierà ufficialmente martedì 27 luglio col ritiro al Bacchilega. L’addio di Moreno Zocchi è quasi certo, nonostante l’anno di contratto che ancora lega il ds lombardo all’Imolese. Mentre si va verso la conferma di Montanari come direttore generale e di Alberto Cardi nel ruolo di responsabile del settore giovanile.

Il progetto sportivo e societario, così come gli assetti tecnici e dirigenziali, saranno svelati domani, lunedì 26 luglio, alle 17. E domani scopriremo anche il nome del nuovo allenatore rossoblù. Se, in settimana, Federico Guidi sembrava aver superato Gaetano Fontana nelle preferenze, in queste ultime ore il nome del tecnico calabrese ex Fano è tornato in pole position per la panchina rossoblù.

Mercato. In attesa di scoprire il nome del nuovo allenatore, l’Imolese è molto attiva sul mercato in uscita. È delle scorse ore, infatti, la cessione, a titolo definitivo, di Alessandro Polidori (nella foto) al Monterosi. L’attaccante di Viterbo saluta i rossoblù dopo una stagione condita da 35 presenze e 8 gol. «Tutta l’Imolese Calcio saluta Alessandro e gli augura le migliori soddisfazioni nel proseguimento della sua carriera».
Sempre sul fronte uscite, oltre all’addio, già certo, di Della Giovanna (partito in direzione Pro Sesto), potrebbero salutare Provenzano, titolarissimo nell’ultima annata (su di lui Mantova e Gubbio) e Chinellato, ormai promesso sposo del Trento.