Terza Olimpiade per il fotografo imolese Matteo Marchi: «Sono emozionato al pensiero di immortalare la Nazionale di basket»

Marchi sarà, per la terza volta, fotografo ufficiale della pallacanestro per conto della Fiba. Grande emozione per il ritorno ai Giochi del basket italiano

tra gli imolesi ad essere volati a Tokyo c’è anche Matteo Marchi che, per la terza Olimpiade, sarà fotografo ufficiale della pallacanestro per conto della Fiba.
«Sono super emozionato e, finalmente, orgoglioso di me stesso – commenta Marchi –. Per un fotografo sempre al di fuori delle agenzie fotografiche è un risultato abbastanza importante».
Ad attenderlo, due settimane molto impegnative con quattro partite al giorno. «Sarà un bel tour de force. Spero di fare un bel lavoro».
Ma l’emozione più grande sarà immortalare, per la prima volta, la Nazionale italiana di basket che torna alle Olimpiadi dopo 17 anni. «Ho la pelle d’oca solo al pensiero di coronare uno dei miei sogni più grandi: vedere finalmente quella scritta sulle maglie che comincia per “I” e finisce con “talia” nel campo più importante di tutti, quello coi cerchi disegnati» scrive il reporter sotto un post pubblicato sul suo profilo Instagram.
«Vorrei trasmettere, con i miei scatti, le stesse sensazioni che provo io quando sono in prima fila, completamente immerso nell’azione».