Castel Bolognese rinnova il voto alla Madonna della Concezione, le foto della messa in piazza Bernardi

L’origine della festa, celebrata nel giorno di Pentecoste, risale a un voto del 1631

Anche quest’anno la devozione di Castel Bolognese alla Madonna della Concezione ha dovuto adattarsi, come nel 2020, ai protocolli imposti dal Covid-19. Ma la cittadina lungo la via Emilia, pur rinunciando per cause di forza maggiore alla tradizionale sagra, non ha mancato di rinnovare una tradizione che risale a quasi 400 anni fa. In una piazza Bernardi gremita (ma con sedie e postazioni distanziate per rispettare i protocolli anti-contagio), l’arciprete don Marco Bassi ha celebrato la santa messa solenne del Voto alla presenza del gonfalone comunale, degli stendardi delle parrocchie e della Pro Loco.
L’origine della festa, celebrata nel giorno di Pentecoste, risale a un voto del 1631: un segno di gratitudine per aver preservato il paese dalla peste grazie all’intercessione della Beata Vergine.
In serata la processione (senza presenza di fedeli) presieduta dal vescovo di Imola monsignor Giovanni Mosciatti è partita dalla chiesa di San Francesco per poi toccare le vie Gottarelli, Roma, Emilia, Biancanigo, Dei Mille, Bargero, Mameli, Berlinguer, Biancanigo, Marzari, Giovanni XXIII, Emiliani, Ghinotta, Bagnaresi, Giovanni XXIII, Brunelli, Garavini, Bernardi.
Di seguito le immagini della celebrazione di stamattina in piazza. Fotoservizio Isolapress