Collaudata a Imola la prima asfaltatrice elettrica “made in Romagna”

Presentata in anteprima mondiale, è nata dalla collaborazione tra aziende di Imola e Conselice. Utilizzata in prova su un marciapiede in via Cesi

Via Cesi è una piccola stradina a senso unico che collega via Lippi a via Solieri. Un breve tratto di strada che però nei giorni scorsi ha visto il debutto, in anteprima mondiale, della prima asfaltatrice completamente elettrica.
La F175 eco, questo il nome commerciale della “vibrofinitrice”, è nata dalla partnership tra la CM S.r.l di Conselice, azienda produttrice di macchine per la pavimentazione delle strade, e la Tazzari S.p.A. di Imola, che ne ha sviluppato l’elettrificazione della trazione e di tutte funzionalità operative, rappresenta l’ultima generazione di macchine asfaltatrici di piccole dimensioni per la pavimentazione di marciapiedi, piste ciclabili, zone pedonali e strade a carreggiata ridotta.
La macchina è stata messa alla prova per un test lungo un tratto del marciapiede di via Cesi (angolo via Lippi) grazie alla disponibilità della Cti Imola, che ha l’appalto per la riasfaltatura e manutenzione di alcune strade e marciapiedi da parte di Area Blu.
A presenziare all’anteprima c’erano il sindaco di Imola Marco Panieri il presidente e ceo di CM Gaetano Castiglione il presidente di Cti Imola Luca Montroni e il geom. Giovanni De Chiara di Area Blu.

Il primo cittadino di Imola ha sottolineato come la nuova vibrofinitrice a funzionamento totalmente elettrico nasca e si sviluppi «grazie al gioco di squadra che vede protagoniste imprese del territorio a noi limitrofo, quali la CM di Conselice ed altre imolesi, quali Tazzari e Cti. Una sorta di ‘Made in Romagna’ che prosegue la promozione del ‘Made in Italy’ avviata con il Gran Premio di F.1».