Reggi-mascherina stampati in 3D, il dono di Cube alle scuole paritarie di Imola

La ditta imolese con sede a palazzo Monsignani: «Una donazione per ringraziare insegnanti e tutto il personale scolastico degli sforzi compiuti»

Foto scattata nella sede di Cube nellottobre 2019. Isolapress

Un gesto di solidarietà che parte da un’esperienza personale. La ditta Cube srl, che nell’autunno 2019 ha aperto nel cuore di Imola, nei locali dell’ex Circolo Cattolico in via Emilia, ha in programma, a partire da domani, di donare centinaia di reggi-mascherina alle scuole paritarie di Imola. «Alcuni membri dell’ufficio, avendo figli in età scolare, si sono resi conto in prima persona delle difficoltà affrontate in questo periodo» spiegano dalla giovane azienda. Da qui l’idea di donare ai dipendenti di alcune scuole paritarie di Imola che accolgono bambini fino ai cinque anni di età (come la scuola dell’infanzia San Giovanni Bosco o quelle gestite dalla Cooperativa sociale Solco Prossimo) i reggi-mascherina, realizzati allo scopo di diminuire il fastidio che deriva all’uso prolungato dei dispositivi di protezione.
Le scuole materne e i nidi sono infatti le uniche scuole aperte in zona arancione scuro, in vigore a Imola dal 25 febbraio fino all’11 marzo.

Una donazione «per ringraziare il corpo insegnanti e tutto il personale scolastico degli sforzi compiuti per mantenere aperte le scuole, garantendo alla nostra comunità un servizio essenziale». I dispositivi, usati anche dai dipendenti dell’azienda, sono stati realizzati in Petg tramite stampante 3D dalla società La(b) Cipolla.