Lugo, gli alunni della media Baracca “vanno in gita” grazie alla realtà virtuale

La scuola ha noleggiato alcuni visori messi a disposizione da Wap. La dirigente: «Esperienza che guarda al futuro»

Se la classe non può andare in gita, la destinazione della gita entra in classe.
Un’operazione resa possibile dalla collaborazione tra Wap, realtà lughese specializzata in realtà virtuale, eventi e digital marketing, e la scuola media Baracca di Lugo.
L’istituto ha infatti noleggiato 30 visori che permettono agli studenti, costretti da questa emergenza sanitaria a rinunciare alle gite e alle uscite didattiche, di visitare monumenti, mostre e luoghi tramite un tour virtuale.

«La situazione epidemiologica non ci consente di poter organizzare visite guidate e viaggi d’istruzione – spiega la professoressa Ornella Greco, dirigente scolastica dell’istituto Baracca -. La realtà virtuale ci offre una grande possibilità per colmare questo gap. Si tratta di un’esperienza che guarda al futuro e che ben si concilia con le iniziative di sperimentazione didattica che da anni promuoviamo e, al contempo, rappresenta un momento di divertimento».
«La scuola Baracca di Lugo è la prima che ci richiede questi strumenti sin qui riservati al mondo delle imprese – aggiunge Giuseppe Falconi, Ceo di Wap -. Sono certo che grande sarà l’interesse e la disponibilità alla sperimentazione degli studenti, che ricordo sono nativi digitali con una forma mentis già ‘pronta’ alle tecnologie».