Massa Lombarda in festa per il patrono. Don Pietro: «Come san Paolo, vogliamo vivere con la luce nel cuore»

Lunedì 25 la messa solenne con il vescovo Mosciatti, sabato le cresime

Sarà una festa diversa, contenuta, ma non per questo meno densa di significato. Massa Lombarda si prepara a festeggiare San Paolo, patrono del paese, il 25 gennaio.
«La solennità del nostro santo patrono di Massa Lombarda, San Paolo, avviene quest’anno in un contesto piuttosto inusuale, perché le tante iniziative che facevano da cornice alla festa vengono quasi interamente a mancare. Quello che rimane è il cuore di questa festa: permettere che la vicenda che ha toccato la vita di Paolo di Tarso, l’incontro con Gesù, diventi anche la nostra vicenda personale». Così l’arciprete don Pietro Marchetti esordisce nel suo editoriale del giornalino parrocchiale di Massa Lombarda dedicato alla Conversione di san Paolo.
«Anche noi stiamo, in un certo senso, brancolando nel buio, non sappiamo dove ci porterà questa esperienza, per quanto tempo continuerà, un giorno “gialli”, un giorno “arancioni”, un giorno “rossi”. Come Paolo vogliamo vivere questo tempo con la “luce nel cuore” certi che siamo nelle mani sicure del Signore».

Venendo agli appuntamenti per il 25 gennaio, giorno in cui la Chiesa ricorda la Conversione di San Paolo, momento culmine della festa patronale sarà celebrata la santa messa nella chiesa arcipretale alle 10.30, presieduta dal vescovo di Imola Giovanni Mosciatti.
Alle 19, sempre nella stessa chiesa, è in programma la santa messa vespertina.
Il giorno prima della festività, domenica 24, la Parrocchia vivrà un altro importante momento. 25 tra ragazzi e ragazzi riceveranno il sacramento della Cresima. La cerimonia è alle 15 nella chiesa arcipretale (la partecipazione è riservata ai soli cresimandi e parenti).