PM10 ancora oltre i limiti, misure d’emergenza fino al 22

Lunedì e martedì giornate da bollino arancio secondo i dati rilevati dalla centralina Arpae di via De Amicis a Imola

Foto di repertorio

Non accennano a scendere sotto i limiti i valori di particolato nell’aria. Anzi, nelle centraline della Romagna i dati sulla concentrazione di Pm10 salgono.
A Imola, nonostante le misure d’emergenza scattate negli scorsi giorni, la centralina Arpae di via De Amicis ha fatto registrare ieri e lunedì 18 dati da bollino arancio: rispettivamente 74 e 70 µg/m3
A Ravenna si è arrivati a toccare nella giornata di ieri il valore di 85, in fascia rossa.
Ecco quindi che a Bologna, nei comuni dell’agglomerato urbano (tra cui Imola), in Bassa Romagna e a Faenza sono state prorogate fino a venerdì 22 le misure d’emergenza.

Nei Comuni della provincia nella quale si sono verificati i superamenti, si applica una serie di misure aggiuntive dal giorno seguente a quello di controllo.
Nel dettaglio le misure emergenziali prevedono le limitazioni alla circolazione estese anche ai veicoli fino a euro 4 diesel compreso. Stop agli impianti a biomassa per uso domestico fino a 3 stelle (comprese) in presenza di impianto alternativo e l’obbligo di abbassamento del riscaldamento fino a di 19° C nelle case e 17° C nei luoghi di attività produttive e artigianali. Scattano anche i divieti di combustione all’aperto (falò, barbecue, fuochi d’artificio, ecc…), di sosta con il motore acceso per tutti i veicoli, di spandimento liquami zootecnici senza tecniche ecosostenibili e, infine, il potenziamento dei controlli sulla circolazione dei veicoli nei centri urbani.
In Bassa Romagna è disposto solo per il Comune di Lugo, nella zona interna ai circondari, il blocco, dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 18.30, di autoveicoli a benzina fino a Euro 2 compreso, autoveicoli e veicolo commerciali diesel fino a Euro 3 compreso, cicli e motocicli pre Euro 1 e veicoli bifuel Gpl/benzina e metano/benzina fino a Euro 1 compreso. Inoltre, sempre a Lugo, tutte le domeniche (a esclusione del 4 aprile 2021) e tutte le volte che entreranno in vigore le misure emergenziali, dalle 08.30 alle 18.30, sarà vietata la circolazione in centro alle seguenti categorie di veicoli: autoveicoli a benzina fino a Euro 2 (compreso), autoveicoli e veicoli commerciali diesel fino a Euro 4 (compreso), cicli e motocicli pre Euro 1, veicoli bifuel Gpl/benzina e metano/benzina fino a Euro 1 (compreso).

Sono previste deroghe a tutela di particolari necessità quotidiane: esentati, fra gli altri, lavoratori turnisti, chi si sposta per cura e assistenza, chi accompagna i figli a scuola e i meno abbienti con Isee annuo fino a 14mila euro