Lugo, Ranalli annuncia: «Cittadinanza onoraria a Liliana Segre»

«In queste ore l'amministrazione comunale di Lugo sta lavorando per predisporre gli atti»

«In queste ore l’amministrazione comunale di Lugo sta lavorando per predisporre gli atti per il conferimento delle cittadinanza onoraria a Liliana Segre». Ad annunciarlo è il primo cittadino lughese, Davide Ranalli, che ne spiega le motivazioni: «La storia di Liliana Segre è una storia fatta di coraggio, tenacia e dolcezza».

Il conferimento della cittadinanza onoraria alla senatrice a vita «avverrà nel consiglio comunale previsto per il 28 gennaio, giorno successivo alla Giornata della Memoria».
La sua presenza a Lugo non sarà possibile, vista la pandemia. «Le abbiamo chiesto un video» conclude Ranalli.
Liliana Segre, deportata nel campo di concentramento di Auschwitz, è stata nominata nel 2018 senatrice a vita dal presidente Sergio Mattarella «per avere illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo sociale». Nata nel 1930, si è contraddistinta negli anni per essere un’attiva testimone della Shoah italiana.
Il 24 aprile 2020, giorno che precede l’anniversario della Liberazione, anche il Comune di Imola, con un atto del commissario Nicola Izzo, aveva deciso di conferire la cittadinanza onoraria alla senatrice.