Maltempo, preoccupano Santerno e Sillaro. In vallata guadi allagati

L'acqua ha invaso gli attraversamenti a Carseggio e Borgo Tossignano. 115 in azione alla turbina di Codrignano

Foto Isolapress

Tornano a preoccupare le piene dei fiumi nel circondario di Imola e nella Bassa Romagna. Complice la pioggia caduta copiosa nelle vallate, tra oggi pomeriggio e domani mattina la Protezione civile regionale ha emesso un’allerta di livello arancio per il passaggio delle piene dei fiumi in pianura.
Sia il Santerno che il Sillaro hanno fatto alzare il livello idrometrico ben sopra l’allerta gialla. In particolare alle 15.30 di oggi, sabato 5 dicembre, il Santerno è arrivato a superare la soglia di allerta arancio nei pressi di Mordano.
In vallata alle 14 il guado situato nei pressi della Casa del fiume di Borgo Tossignano è stato invaso dall’acqua e reso momentaneamente impraticabile. Problemi e disagi anche a Carseggio, con il guado allagato. A San Bernardino di Lugo livello giallo di allerta, ma in aumento il livello idrometrico, secondo i dati della protezione civile regionale (fai click qui).
Disagi anche a Imola, dove alle 13.30 il 115 è intervenuto in via Sbago, presso gli impianti della turbina idroelettrica, per allagamenti. “Si sono allagati alcuni spazi vicino i quadri elettrici che non sono stati, fortunatamente, toccati dall’acqua” spiegano i vigili del fuoco.
I Caschi rossi hanno svuotato l’impianto con pompe ad immersione, il livello dell’acqua ha raggiunto l’altezza di un metro. Sul posto anche il personale tecnico dell’azienda proprietaria della turbina. Nessun ferito.

Il Sillaro è in crescita, con livello idrometrico sopra l’allerta gialla a Sesto Imolese e in aumento nel pomeriggio.