Imola, «al lavoro per verificare la possibilità di spostare i seggi dalle scuole»

Il tema è stato discusso durante la prima seduta della commissione elettorale

Isolapress

«L’impegno è quello di verificare se sia possibile spostare i seggi elettorali». È questo il tema principale discusso nei giorni scorsi durante la prima riunione della commissione elettorale del Comune di Imola, presieduta dal sindaco Marco Panieri.

Lo spostamento dei seggi è un tema tornato d’attualità con la pandemia, al fine di garantire l’attività delle scuole da un lato e ridurre i costi di allestimento (e disinfezione) dall’altro. Già per le elezioni del settembre 2020 alcuni Comuni hanno fatto traslocare fuori dai plessi i seggi, come successo a Casalfiumanese (leggi qui).
«La linea – spiega il sindaco di Imola – è quella di lavorare per verificare la possibilità di spostare la sede di una gran parte, se non di tutti i 62 seggi, dalle scuole ad altri luoghi della città che siano idonei ad ospitare le operazioni di voto, dalle palestre ai centri sociali, tanto per fare qualche esempio». La fattibilità andrà verificata, a partire dalle prime elezioni in programma, le politiche nel 2023.
«A tale scopo è stato costituito un gruppo di lavoro di cui fanno parte, oltre ai tecnici comunali, anche un rappresentate di maggioranza ed uno di minoranza della commissione elettorale».
Seguirà un confronto con la sottocommissione elettorale prefettizia, che è l’organismo competente per fornire la valutazione finale sul progetto di trasferimento.