Isolapress
Nuove regole per accedere ai reparti no-Covid dell’ospedale di Imola e della Casa della salute di Castel San Pietro. A partire da oggi (25 novembre, ndr) le visite ai degenti in ospedale sono soggette alle nuove regole. «Di norma l’accesso ai reparti non è consentito» spiega l’Ausl. I medici dei reparti garantiranno via telefono le informazioni relative alla salute alle persone autorizzate dal paziente.
Eccezioni possono essere previste in caso di pazienti terminali, non autosufficienti e/o con gravi disabilità, disturbi cognitivi o particolari necessità di supporto e pazienti ostetriche, per cui «può essere autorizzato l’accesso dello stesso visitatore per paziente negli orari definiti: dalle 12 alle 14 per i reparti non critici e dalle 14 alle 15 per Rianimazione, Semintensiva e Intensiva».
Per i pazienti pediatrici continua ad essere garantita la presenza dell’accompagnatore.
«In questa fase, per accedere all’area di degenza, viene previsto anche per il visitatore autorizzato uno screening periodico (ogni 15 giorni) con tampone rinofaringeo o test antigenico rapido».

Leggi anche: Imola, focolaio in ospedale: 23 pazienti e altri 4 operatori contagiati

Dovrà comunque essere sempre garantito l’utilizzo corretto dei dispositivi di protezione individuali, anche nella stanza del reparto, seguendo scrupolosamente le indicazioni fornite dagli operatori «ed adottare in ogni contesto tutte le precauzioni e i comportamenti previsti per la prevenzione del Covid-19: igiene delle mani, protezione respiratoria, distanziamento. L’Ausl Imola poi prega chi dovrà andare in ospedale di fare «particolare attenzione ad astenersi dal frequentare, per quanto possibile, luoghi e situazioni potenzialmente a rischio contagio».
Per l’effettuazione del test, il visitatore sarà indirizzato agli ambulatori della medicina preventiva situati nell’ospedale vecchio ad eccezione dell’accompagnatore del paziente pediatrico e della persona di riferimento individuata dalla donna in gravidanza, che effettuano il tampone direttamente presso il reparto.
In caso di esito del test positivo il visitatore viene invitato a tornare presso il proprio domicilio e ad isolarsi e sarà contattato dal dipartimento di sanità pubblica.

Le regole per chi deve effettuare visite ed esami

Restano invariate le regole di accesso all’Ospedale per le persone che devono effettuare visite o esami, che devono essere sottoposti ai controlli ai check point di ingresso e/o di ambulatoriali.
Si ricorda che è previsto l’accesso ai servizi ambulatoriali per la sola persona che deve ricevere la prestazione.
La presenza di un solo accompagnatore può essere eventualmente prevista in casi specifici: minori; persone non autosufficienti, con disabilità fisica e/o cognitiva che richiedono il supporto di un caregiver; persone con grave fragilità neurocognitiva e psichica, inclusi i pazienti oncologici; donne incinta (relativamente alle prestazioni effettuate nell’ambito del percorso nascita).