Matteo Marchi, secondo da destra, con la delegazione Nba e papa Francesco
I campioni Nba da papa Francesco per dire no al razzismo e combattere la discriminazione razziale. Nella delegazione che, lo scorso 23 novembre, è stata ricevuta dal pontefice nella biblioteca di palazzo Apostolico, a Roma, tra i vari Marco Belinelli e Johnathan Isaac, Sterling Brown e Kyle Korver, c’era anche il fotografo imolese Matteo Marchi.
Marchi, che nell’ultima stagione ha fotografato le partite casalinghe dei New York Knicks, è stato contattato da Matteo Zuretti, romano, tra i responsabili dell’associazione giocatori Nba. «In quattro e quattr’otto hanno messo in piedi il tutto – racconta -. Uno dei più stretti collaboratori del papa, appassionato di basket, ha raccontato nel dettaglio al pontefice l’iniziativa del Black Lives Matter, portata avanti da alcuni giocatori e sostenuta dalla stessa Nba». Il caso ha voluto che, «anziché scattare la foto, io ci sia finito in mezzo»….

 



Se vuoi saperne di più, leggi l’articolo completo sul nostro settimanale in edicola!
Il nostro giornale è disponibile anche in versione online.

Per sapere come attivare l’abbonamento e leggerlo #restandoacasa, fai click qui