Crisi Mercatone Uno, arriva la cassa integrazione straordinaria per i lavoratori

Coinvolta anche la sede amministrativa di Imola e i suoi 43 lavoratori

Una protesta davanti alla sede di Imola. Foto del 2019, Isolapress

Per i 278 lavoratori (191 donne e 78 uomini) dipendenti dell’ex Mercatone Uno arriva la Cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale a seguito di cessazione dell’attività.
Il via libera all’ammortizzatore sociale è stato deciso oggi a Roma al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con l’esame congiunto della Cigs e annunciato dalla Regione.
Presso la ex sede amministrativa di Imola, come ricorda la Regione, sono 43 i dipendenti.

Ieri sera è infatti andato in scena un incontro, in videoconferenza, tra il Ministero dello Sviluppo economico e le Regioni in cui sono presenti punti vendita ex Mercatone Uno.
«La Regione metterà in campo le misure necessarie – ha detto l’assessore regionale allo Sviluppo economico e Lavoro, Vincenzo Colla – per la formazione e la ricollocazione dei lavoratori che sono ancora senza occupazione».
Per le sorti dei punti vendita e dello storico centro direzionale di Imola, Colla rende noto che «Al contempo siamo impegnati ad agevolare le procedure di eventuali manifestazioni di interesse da parte di nuovi imprenditori, per l’acquisto dei punti vendita dismessi».