Simoni al centro in ginocchio daventi al Monumento al Donatore di sangue

È la professoressa e mosaicista Elisa Simoni la Lughese eccellente del 2020.
Classe 1977, ha vissuto per tutto il tempo degli studi con la propria famiglia a Lugo. È lei la persona scelta dalla commissione composta del presidente del circolo Acli Raffaele Clò, dal sindaco Davide Ranalli, dal vicario di Lugo Mons. Carlo Sartoni, della già dirigente dell’istituto Gherardi, Daniela Geminiani e dalla lughese eccellente 2019, Rosella Sangiorgi.

Elisa Simoni e il sindaco Ranalli

Simoni, ora residente a Ravenna, è rimasta legata a doppio mandato a Lugo: nel 2013 ha infatti fondato la Compagnia dei Musivari, di cui è presidente. Inoltre dal 2013 al 2018 è stata docente dei corsi di mosaico dell’Università per adulti di Lugo e curatrice delle mostre delle relative opere, contribuendo alla costruzione del laboratorio di mosaico dell’Università.

«In tutte le sue attività ha sempre saputo esprimere la sua vocazione all’insegnamento, sapendo sempre trasmettere un profondo amore per l’arte in tutte le sue declinazioni» si legge nella motivazione che ha portato a scegliere lei in qualità di lughese eccellente.
La premiazione, con la consegna del Fior di Loto 2020, avverrà sabato prossimo 24 ottobre alle 17 presso il salone estense.

Traccia della sua opera a Lugo è il Monumento al Donatore di sangue, nella rotonda di fronte alla caserma dei carabinieri. Simoni è infatti l’ideatrice del mosaico, alla cui realizzazione hanno contribuito anche i cittadini posando i 9.700 cuoricini che compongono l’opera durante la Fiera biennale del 2018.