Raccolta funghi, tesserini e divieti: le regole per la Romagna Faentina

flat lay photography of mushrooms

Stagione di funghi nel territorio della Romagna Faentina. Tanti i cercatori che già nelle scorse settimane hanno iniziato a battere i sentieri in cerca di porcini e ovuli. Ma, come ricorda il sito dell’Unione, ci sono delle regole da rispettare.
«Per la raccolta dei funghi occorre un tesserino che può avere validità giornaliera, settimanale, mensile o semestrale». Per i residenti nel Comune di Casola Valsenio è previsto il rilascio di un tesserino annuale.

Il tesserino, accompagnato da un documento di identità, dovrà essere esibito su richiesta del personale di vigilanza. La raccolta è inoltre consentita solo nei giorni di martedì, giovedì, sabato e domenica nelle ore diurne, da un’ora prima della levata del sole a un’ora dopo il tramonto. Solo per i cittadini residenti nei comuni montani è autorizzata la raccolta anche nella giornata del venerdì.
L’attività può essere esercitata esclusivamente nei boschi e nei terreni non coltivati, sempre che apposite tabelle non ne segnalino il divieto.

Per quanto riguarda regole e limitazioni, ogni persona può raccogliere fino a 3 kg di funghi al giorno. La raccolta va effettuata manualmente o mediante l’uso di un coltello, è vietata la raccolta di Ovuli buoni (Amanita caesarea) allo stato di ovulo chiuso, di esemplari di Porcini (Boletus edulis, B. pinicola, B. aereus, B. reticulatus) con un cappello di diametro inferiore a 3 cm e di Prugnolo (Calocybe gambosa) e Galletto (Cantharellus cibarius) con cappello di diametro inferiore a 2 cm.



Fai click qui per l’elenco della lista degli esercizi pubblici e privati che vendono i tesserini