Lo staff del locale. Isolapress
15 settembre 1979. Imola in attesa fremente per il primo Gp di Formula 1 che il giorno dopo avrebbe visto trionfare Lauda al Ferrari.
Quel giorno, il giorno prima del debutto del circus in autodromo, iniziava l’avventura di un locale destinato ad entrare nella storia della città: Popeye. Un’avventura durata 40 anni: la paninoteca di Gianni Mezzetti e della moglie Sabrina Cenni ha infatti chiuso i battenti nel 2019.
Ma si è trattato solo di una pausa. A distanza di 41 anni da quel 15 settembre, oggi Popeye ha riaperto al pubblico. Nuova veste, nuovo menù, stesso nome sempre all’angolo tra via Quaini e viale Rivalta. La gestione rimane una “questione di famiglia”: al timone c’è Mattia Mezzetti, 32enne figlio di Gianni e Sabrina. Il locale, completamente ristrutturato, si trasforma da paninoteca a un vero e proprio ristorantino. Una nuova vita proprio nell’anno del ritorno della F1 a Imola. Corsi e ricorsi storici, anche a tavola.