Sicurezza e degrado cittadino

126

Caro Direttore,
In questo periodo di campagna elettorale per la città di Imola, pochi sono stati attenti al disagio che gli abitanti della zona Centro intermedio Carducci e precisamente tra le vie Carducci (ad altezza della fermata dell’Autobus) e la parallela Via Nardozzi subiscono. Da quasi due anni con le nostre relative associazioni tra cui Fare Cambiare Migliorare, il Comitato Strade Future ed il Comitato Bella Osservanza ci occupiamo (Adriana Castellano e Corrado Bufi detto Dino) di Imola, il motivo per cui riteniamo sia giusto dare voce agli abitanti del quartiere Centro, soprattutto in questo momento di campagna elettorale. Oggi il tema della coesione sociale deve andare di pari passo con la certezza del diritto e delle regole che una comunità si è data. Ed è per questo che ci siamo interessati ad alcune segnalazioni che ci sono pervenute. E allora abbiamo fatto una cosa semplice! Verificare l’attendibilità delle notizie circolate. Abbiamo scoperto che nella zona Centro intermedio Carducci e precisamente tra le vie Carducci (ad altezza della fermata dell’Autobus) e la parallela Via Nardozzi succedono fatti strani. Siamo riusciti a parlare sia con alcuni commercianti in zona che con chi ha “promosso” una raccolta firme per far emergere tale situazione. Vengono segnalati sia di giorno che , specialmente di notte, assembramenti proprio nelle citate vie di persone (sembra extracomunitari, minori e qualche senza fissa dimora). Tale presenza provoca molestie sia ai passanti che agli abitanti; oltre a spaccio e consumo di sostanze stupefacenti, assunzione di bevande alcoliche, schiamazzi e risse. La presenza di qualche esercizio commerciale in zona, aperto fino a tardi, favorisce la vendita di alcolici facendo provocare tutte le criticità segnalate. Ci risulta che la forze dell’ordine siano intervenute, dopo alcune denunce dei mesi scorsi, senza ravvisare reati. Noi vogliamo che Imola sia un’isola felice non a parole ma nei fatti. E infatti, oltre a stigmatizzare tali episodi, proponiamo, così come da nostro programma elettorale: 1) Attività diretta del Comune; 2) Realizzare un’APP per segnalare tali problemi; 3) Illuminare i luoghi; 4) Stipulare un’assicurazione per coprire danni da furto e/o danneggiamenti; 5) Installare sistemi di video-sorveglianza e targa system; 6) Sollecitare ronde notturne da parte della Polizia Municipale; 7) Attività indiretta/facilitatore; 8) Promuovere un patto di legalità; 9) Sensibilizzare i cittadini nella raccolta di istanze e denunce; 10) Migliorare l’integrazione sociale e culturale; 11) Controllo sulle abitazioni speculative. Non possiamo lasciare gli abitanti di questo quartiere a gestire la legalità e la sicurezza da soli; hanno bisogno delle istituzioni. In questi 1000 giorni di abbandono della città il degrado ha preso il sopravvento e questo è il momento d’intervenire. Noi sappiamo cosa fare!

Adriana Castellano e
Corrado Bufi detto Dino,
candidati al consiglio comunale di Imola
per la lista civica Cappello Sindaca