Riolo, beccati dalla fototrappola ad abbandonare water e bidet in strada

Nelle ultime tre settimane 33 le sanzioni per abbandono di rifiuti staccate dalla polizia locale dell'Unione

2102
La foto dellì"episodio diffusa dalla polizia locale

«Una Fiat verde che si avvicina ad un’area ecologica in una frazione di Riolo Terme. Due uomini che escono guardinghi e, dopo aver controllato non esservi nessuno nei dintorni, abbandonano un water e un bidet e si allontanano a tutta velocità».
Quello raccontato dalla polizia locale della Romagna Faentina è solo uno, forse il più colorito, dei 33 episodi di abbandono sconsiderato di rifiuti ripresi nelle ultime tre settimane dalle dieci fototrappole in funzione sui comuni dell’Unione.

La polizia locale ha scelto di usare in maniera sempre più intensiva le fototrappole di ultima generazione contro i “furbetti del rusco”. Gli agenti dell’Urf hanno infatti dato il via a «una vera e propria “guerra” agli incivili che continuano a disfarsi di ogni genere di rifiuti in maniera disdicevole».
«Sono stati identificati e verbalizzati, da inizio mese, 33 cittadini che hanno abbandonato in maniera incivile ogni genere di rifiuto – riporta la locale manfreda -. Il caso più eclatante è quello accaduto territorio di Riolo Terme (frazione Cuffiano) dove, come detto, un faentino del 1953 è stato sorpreso dalle telecamere mentre abbandonava, con l’aiuto di un amico, dei vecchi sanitari (water e bidet) in prossimità di contenitori per la raccolta indifferenziata».

Proprio a Riolo Terme si sono verificati una decina di abbandoni, come a Faenza, mentre nei restanti comuni dell’Unione la situazione pare migliore. Si ricorda che la sanzione per questi atti incivili è pari a 104 euro, ai quali si aggiungono spese di notifica per chi abbandona i rifiuti fuori dal cassonetto, e di euro 166 euro più spese di notifica se il trasgressore non è residente nel comune in cui vengono conferiti i rifiuti.