Castel San Pietro intitola al Due Agosto il piazzale della stazione

La cerimonia nella mattinata di sabato 1. Tra le vittime della strage anche una castellana: Franca dall'Olio

76

A 40 anni dalla strage di Bologna, Castel San Pietro tiene viva la memoria. Il comune emiliano ha intitolato il piazzale sul lato nord della stazione ferroviaria al Due Agosto, giorno dell’attentato.
Alla cerimonia erano presenti il sindaco Fausto Tinti con la sindaca dei ragazzi Michelle Lamieri, la giunta al completo, il presidente del consiglio comunale Tomas Cenni e numerosi consiglieri, la consigliera regionale Francesca Marchetti, Morena Verde e Lisa Bianconcini dell’Associazione Familiari Vittime della strage, il parroco don Gabriele Riccioni, i rappresentanti di Associazione carabinieri, Gruppo alpini, Croce rossa, Anpi, Terra Storia Memoria e altre associazioni sportive, sociali e culturali.

«Abbiamo scelto di intitolare il piazzale al “Due agosto” e non solo alle vittime, perché accanto agli 85 morti e 200 feriti, c’è stata anche una città che ha reagito, ha continuato a ricordare e a chiedere giustizia e verità» ha spiegato il vicesindaco Andrea Bondi.

Nel giorno della strage anche la comunità di Castel San Pietro Terme pianse una vittima:  Franca Dall’Olio, una ragazza di origine castellana che il Consiglio Comunale ha ricordato con una cerimonia pubblica due anni fa.
Don Gabriele ha quindi benedetto il piazzale, in seguito è stata scoperta la targa che riporta l’indicazione “Due Agosto 1980 – Strage alla Stazione di Bologna”.

Di seguito alcune foto della cerimonia