Tra innovazione e tradizione, la Clai cambia logo

Tuttavia lo storico maialino della cooperativa di Sasso Morelli non scomparirà del tutto

556
Isolapress

La Clai riparte da un “sorriso”. La cooperativa di Sasso Morelli ha presentato il suo nuovo logo, studiato per combinare tradizione e innovazione. L’ormai famoso maialino stilizzato verrà sostituito dal logo che potete osservare in foto durante la presentazione ufficiale (foto Isolapress). Ad essere rappresentata in modo simbolico (una specie di sorriso sulla “A”) la famosa salsiccia passita, uno dei prodotti di punta della cooperativa di Imola.
La Clai si è rivolta per l’elaborazione a Rob Janoff, autore dell’iconica mela simbolo di Apple. Il maialino non scomparirà: sarà proposto con un tratto premium, quasi come un sigillo di garanzia che rassicuri i clienti sulla continuità dei prodotti Clai. A volte sarà presente accanto alla scritta, altre volte no (vedi elaborazione grafica sotto).
Con lo stesso obiettivo, mantenere un segno visibile di continuità, alla base del logo ci sarà la scritta: «Cooperativa a Imola dal 1962», anno di fondazione dell’azienda.

«Rinnovarsi ed essere innovativi – dice Giovanni Bettini, presidente Clai (al centro in foto) – non significa dimenticarsi della nostra storia, ma prima di tutto continuare, soprattutto nel contesto odierno, ad essere “nuovi” nel modo di intendere il lavoro, cioè continuando a cooperare a favore del bene della persona».
Il lancio del nuovo logo sarà quindi accompagnato da una nuova campagna di comunicazione, a cui prenderanno parte food blogger.