Nei parchi della Bassa Romagna riaprono i giochi per bambini

I primi Comuni a riaprire saranno Massa Lombarda, Bagnara e Fusignano. L'Unione: «Al lavoro per garantire l’accesso in sicurezza»

265

«Nei prossimi giorni riapriranno i giochi nei parchi pubblici dei Comuni della Bassa Romagna». Ad annunciarlo è l’Unione che spiega come gli uffici tecnici dei nove Comuni «sono all’opera per garantire una riapertura graduale dei giochi in sicurezza e nel rispetto delle vigenti norme anti-Covid».
Questo alla luce delle ultime disposizioni che hanno allentato le imposizioni, eliminando l’obbligo di sanificazione dopo ogni utilizzo, fattore che nei giorni scorsi aveva reso materialmente impossibile la riapertura dei giochi.

I primi parchi a consentire nuovamente l’accesso alle aree gioco saranno quelli di Massa Lombarda, Bagnara e Fusignano (sabato 20 giugno) «mentre per gli altri Comuni sarà necessario attendere ancora qualche giorno».
All’ingresso dei parchi e in prossimità delle attrezzature sarà installata un’apposita segnaletica con l’indicazione del divieto di assembramento, l’obbligo di distanziamento di almeno un metro (fatta eccezione per i famigliari conviventi) e l’obbligo di indossare la mascherina – all’interno delle aree gioco – da parte degli adulti e dei bambini di età superiore ai 6 anni.