Trecento persone da evacuare per far brillare la bomba di Lugo

Domenica 21 le operazioni condotte dagli artificieri della Folgore. L'ordigno trovato ad Ascensione durante dei lavori in un campo

884
Se ne occuperanno gli artificieri della Folgore. Foto di repertorio

Sono in programma per domenica 21 giugno le operazioni di despolettamento e brillamento del residuato bellico della seconda guerra mondiale rinvenuto nel corso di lavori agricoli ad Ascensione di Lugo (leggi qui).
L’ordigno – una bomba d’aereo di produzione statunitense – è già stato posto in sicurezza ed è sottoposto a vigilanza da parte delle forze di polizia.
Le operazioni, condotte dagli artificieri della Folgore, «inizieranno alle 9 e si concluderanno non oltre le 13» informa il Comune.

Necessario evacuare 137 famiglie in un raggio di 700 metri

Per consentire lo svolgimento delle operazioni in sicurezza, sarà necessaria l’evacuazione di tutti gli abitanti nel raggio di 700 metri dal punto in cui si trova la bomba.
La Protezione civile della Bassa Romagna ha già provveduto a contattare tutti i residenti e le aziende che insistono in tale perimetro: si tratta di 137 famiglie per un totale di 313 persone, di cui 41 minori e 99 over65.
Nelle aree di brillamento a partire dalle 8 il traffico nella zona sarà consentito solo in uscita. Saranno chiuse pertanto le vie Piratello e Lunga Inferiore.

I Comuni di Lugo e Sant’Agata istituiranno al centro sociale Il Tondo di via Lumagni un punto di accoglienza per le persone che ne avessero necessità.
Gli accessi e tutta l’area saranno presidiati dalle forze dell’ordine. «Per facilitare la comunicazione, i cittadini sono invitati a iscriversi al servizio Alert System della Protezione Civile della Bassa Romagna, registrando il proprio cellulare» è l’invito del Comune.