Fase 2 e riaperture a Medicina: «Mascherine obbligatorie sotto i portici»

«Con l’apertura dei negozi, diventano una zona affollata in cui diventa difficile garantire sempre le misure di sicurezza» spiega il Comune

162

Il Comune del circondario più colpito dal virus riparte. Ma con qualche precauzione in più.
Con un’ordinanza il sindaco di Medicina Matteo Montanari ha stabilito che le mascherine sono obbligatorie «nelle aree pubbliche quali i portici, le vie e le piazze centrali del capoluogo e delle frazioni».

Le mascherine «dovranno coprire naso e bocca» specifica la delibera con delle eccezioni: «Non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni (anche se ne consiglia l’utilizzo) e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso».
L’obbligo, in vigore da lunedì 19, è stato adottato dal Comune poiché «con l’apertura dei negozi i portici di Medicina diventeranno una zona affollata».
«Siamo vicini ai numerosi negozi e commercianti che in questi giorni hanno riaperto l’attività in questa fase 2 dell’emergenza Covid-19 – aggiunge il sindaco -. Chiediamo a tutte le persone la massima collaborazione per aiutare queste attività a rimanere luoghi sicuri».

Il mancato rispetto dell’obbligo sarà sanzionato con una multa che va da 400 a e 3.000 euro.