Coronavirus, altri due decessi a Medicina. Salgono a 314 i casi nel circondario imolese

Si tratta di un uomo e una donna di 77 e 75 anni. 12 i nuovi casi refertati dall'Ausl di Imola. Positivi anche due Under14

1173
La tenda di triage davanti al pronto soccorso di Imola

Due nuovi lutti colpiscono il comune di Medicina. Domenica 5 aprile l’Ausl Imola ha confermato il decesso di un uomo di 77 anni e di una donna di 75, entrambi residenti nel comune più duramente colpito dal Coronavirus nel circondario.

Sono inoltre 12 in più rispetto a sabato 4 i test che hanno dato esito positivo, facendo salire il numero di casi nel circondario a 314: 6 residenti a Medicina, 3 ad Imola, 1 a Castel San Pietro Terme, 1 Mordano e 1 fuori territorio.
Compresi i 23 decessi e i pazienti guariti «sono 189 gli uomini e 125 le donne – afferma l’Ausl -. 159 residenti a Medicina, 94 a Imola, 30 a Castel San Pietro Terme, 6 a Dozza, 5 a Castel Guelfo, 5 a Mordano, 3 a Casalfiumanese, 3 a Borgo Tossignano e 9 persone residenti fuori dal circondario».

Tra i positivi 23 hanno 85 e più anni, 67 tra i 75 e gli 84 anni, 68 tra 65 e i 74 anni, 154 tra i 14 e i 64 anni. Più precisamente, analizzando ulteriormente il dato con le linee che utilizza solitamente il Ministero della Salute, questi ultimi sono così distribuiti: 41 nella classe d’età 14-39 e 113 tra i 40 e i 64 e 2 al di sotto dei 14 anni.

Sei le persone ricoverate in semi-intesiva ECU,  42 i ricoverati nel reparto Covid, 19 in post acuzie Covid all’Ospedale di Comunità di Castel San Pietro Terme e 3 alloggiati in albergo. Dall’ingresso del primo paziente Covid+ in Terapia Intensiva ad Imola, esattamente un mese fa, sono state 24 le persone che sono state ricoverate in questo reparto con COVID, di cui 9 quelli che sono ricoverati ad oggi, 10 i trasferiti in altro reparto e 5 i deceduti.
Le Unità speciali di continuità assistenziali a 9 giorni dal loro avvio hanno effettuato 465 triage telefonici, 187 visite domiciliari, 121 terapie, 123 tamponi e 12  ECG. Da lunedì ad oggi sono stati sottoposti a visita presso l’ambulatorio infettivologico 64 pazienti in terapia.

I numeri in Regione

17.089 casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna, 549 in più rispetto a ieri;  69.986 i test effettuati, 2.911  in più. Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi, domenica 5 aprile, sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.
Complessivamente, sono 7.478 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (312 in più rispetto a ieri); quelle ricoverate in terapia intensiva sono 374, 16 in più rispetto a ieri. Si sono invece registrati 43 ricoverati in meno nei reparti non di terapia intensiva (3.816 oggi rispetto ai 3.859 che si contavano ieri). I decessi sono purtroppo passati da 1.977 a 2.051: 74 in più, quindi, di cui 43 uomini e 31 donne.
Continuano, nel frattempo, a salire le guarigioni, che raggiungono quota 2.201.

Ausl Imola: Le indicazioni per i cittadini

L’azienda sanitaria locale ha emesso negli ultimi giorni le indicazioni da rispettare per i cittadini. In particolare si ricorda a chi dovesse presentare febbre e sintomi respiratori di NON recarsi al pronto soccorso e NON recarsi dal proprio medico, ma di contattare il proprio medico/pediatra e seguire le istruzioni.
Per info è attivo il numero verde regionale 800 033 033 o quello dell’Ausl Imola 0542 604 959.
L’azienda Usl imolese ha inoltre attivato sul proprio sito internet un portale, aggiornato in tempo reale, con tutte le informazioni sulla diffusione del virus e sui comportamenti da mettere in atto.
Sono state inoltre attivate dall’Ausl due linee telefoniche per il supporto psicologico, di cui una dedicata specificatamente agli abitanti di Medicina e Ganzanigo.
Supporto Psicologico Emergenza Coronavirus Azienda Usl di Imola:
Numero Telefonico 366 6843832
– dal lunedì al venerdì 9.00-12.00 e 14.00-17.00
-dedicato alla popolazione di Medicina e Ganzanigo
Numero telefonico 334 6687830
– dal lunedì al venerdì 9.00- 11.00 e 14.00-16.00
– supporto ai famigliari alle persone ricoverate o in isolamento domiciliare, a pazienti ricoverati e ai cittadini che ne sentissero l’esigenza.