Ausl Imola: «Primo giorno senza nuovi casi ma si registra la 23esima vittima»

Si tratta di un 81enne di Castel San Pietro che presentava già patologie pregresse. Fermi a 239 i casi nel circondario

851
La tenda di triage davanti al pronto soccorso di Imola

«Nessun nuovo referto positivo nel circondario». Il bollettino quotidiano diffuso dall’Ausl Imola sul contagio da Covid-19 nel circondario porta con sé una buona notizia: primo giorno senza nuovi casi registrati da quel 4 marzo in cui il Coronavirus fece la sua prima comparsa a Medicina.

A fare da contraltare a questa notizia però è il conto delle vittime del virus, che sale a 23. Un decesso in più rispetto a ieri: si tratta di un 81enne di Castel San Pietro che aveva già patologie pregresse. «A mio nome, dell’Amministrazione comunale e dell’intera comunità castellana, esprimo tutto il dolore e la vicinanza alla famiglia che in questo momento difficilissimo non può nemmeno salutare il proprio caro – ha commentato il sindaco castellano Fausto Tinti. Si tratta della seconda vittima nel comune termale.

«Restano 239 i casi positivi refertati nel circondario imolese, compresi i 5 guariti clinicamente e i 23 decessi – prodsegue l’Ausl -. 153 uomini e 86 donne; 139 residenti a Medicina, 63 a Imola, 18 a Castel San Pietro Terme, 4 a Dozza, 3 a Castel Guelfo, 2 a Casalfiumanese, 2 a Mordano, 1 a Borgo Tossignano e 7 persone residenti fuori dal circondario».

Sono sempre tre le persone ricoverate nel nuovo reparto d’emergenza dell’ospedale, 12 in terapia intensiva e i pazienti 45 i ricoverati nel reparto Covid del Santa Maria della Scaletta.
Ancora 8, come ieri, le persone dimesse dall’ospedale di Imola e trasferite al reparto post acuti dell’ospedale di comunità di Castel San Pietro.


Il Nuovo Diario Messaggero è disponibile anche in versione digitale!
Per sapere come attivare l’abbonamento e leggerlo #restandoacasa, fai click qui


I numeri in Regione

Sono 13.119 casi di positività al Coronavirus, 736 in più di ieri. Questo il dato – accertati alle ore 12 di oggi, sulla base delle richieste istituzionali – relativo all’andamento dell’epidemia in Emilia-Romagna (oggi, per un problema tecnico, non è disponibile l’aggiornamento sul numero esatto dei test effettuati).
Complessivamente, sono 5.726 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (368 in più rispetto a ieri); relativamente contenuto – come si sta verificando negli ultimi giorni – l’aumento di quelle ricoverate in terapia intensiva, che sono 33317 in più rispetto a ieri. I decessi sono purtroppo passati da 1.344 a 1.44399, quindi, quelli nuovi, di cui 67 uomini e 32 donne.
Al tempo stesso, continuano a salire le guarigioni, che raggiungono quota 1.141.


Leggi anche: Visite a domicilio per la profilassi, lunedì 30 si inizia anche a Imola e Castel San Pietro


Ausl Imola: Le indicazioni per i cittadini

L’azienda sanitaria locale ha emesso negli ultimi giorni le indicazioni da rispettare per i cittadini. In particolare si ricorda a chi dovesse presentare febbre e sintomi respiratori di NON recarsi al pronto soccorso e NON recarsi dal proprio medico, ma di contattare il proprio medico/pediatra e seguire le istruzioni.
Per info è attivo il numero verde regionale 800 033 033 o quello dell’Ausl Imola 0542 604 959.
L’azienda Usl imolese ha inoltre attivato sul proprio sito internet un portale, aggiornato in tempo reale, con tutte le informazioni sulla diffusione del virus e sui comportamenti da mettere in atto.
Sono state inoltre attivate dall’Ausl due linee telefoniche per il supporto psicologico, di cui una dedicata specificatamente agli abitanti di Medicina e Ganzanigo.
Supporto Psicologico Emergenza Coronavirus Azienda Usl di Imola:
Numero Telefonico 366 6843832
– dal lunedì al venerdì 9.00-12.00 e 14.00-17.00
-dedicato alla popolazione di Medicina e Ganzanigo
Numero telefonico 334 6687830
– dal lunedì al venerdì 9.00- 11.00 e 14.00-16.00
– supporto ai famigliari alle persone ricoverate o in isolamento domiciliare, a pazienti ricoverati e ai cittadini che ne sentissero l’esigenza.