Coronavirus, Conte firma il decreto. Ecco l’elenco delle attività che potranno restare aperte

Nell'articolo il testo del nuovo Dpcm. «Le imprese le cui attività sono sospese completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo»

985

Come annunciato in diretta nazionale nella serata di ieri, è arrivata la firma del presidente del Consiglio Giuseppe Conte sul Dpcm che sancisce le ulteriori misure restrittive per arginare il contagio da Coronavirus.

Il decreto, le cui disposizioni prendono effetto da lunedì 23 marzo, sospende tutte le attività produttive non ritenute indispensabili e strategiche. Le attività professionali possono continuare mentre sono sospese tutte le attività produttive industriali e commerciali che non rientrano nell’elenco allegato al Dpcm.
«Le imprese le cui attività sono sospese – si legge nel testo – completano le attività necessarie alla sospensione entro il 25 marzo, compresa la spedizione della merce in giacenza».
Le misure resteranno in vigore fino al 3 aprile. Tuttavia le attività sospese fino a tale data potranno comunque «proseguire se organizzate in modalità a distanza o lavoro agile» si legge nel testo.
Restano garantite anche le attività che sono funzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività ritenute indispensabili e strategiche.

Fai click qui per leggere e scaricare il testo del provvedimento

Qui l’elenco completo delle attività che rimarranno aperte