Covid-19, primo caso a Dozza. Tre decessi e 14 nuovi casi a Medicina

Salgono a 9 le vittime nel circondario. A Medicina 53 dei 63 casi positivi finora confermati dall'Ausl Imola

8570
Isolapress

Tre pazienti, tutti residenti a Medicina, sono deceduti in seguito al contagio da Coronavirus. Il bilancio dell’Ausl Imola sulla situazione dell’emergenza Covid-19 nel circondario aggiorna a nove il numero dei decessi. Le tre vittime sono tre uomini di 65, 69 e 70 anni residenti nel Comune più duramente colpito dalla pandemia.

Per quanto riguarda le persone risultate positive al Coronavirus, si registrano 16 nuovi casi di cui il primo nella vallata del Santerno: una persona residente a Dozza. Un altro caso a Imola (salgono a sei dall’inizio dell’emergenza) e ben 14 a Medicina.
«Ad oggi – comunica l’Ausl Imola – salgono a 63 i casi positivi nel circondario imolese (compresi i 9 decessi): 49 uomini e 14 donne; 53 residenti a Medicina, 3 a Castel San Pietro , 1 a Dozza e 6 a Imola».

Tra i positivi, 28 hanno più di 75 anni, 20 tra i 66 ed i 75 anni, 4 tra i 56 e i 65 anni e 8 tra i 36 e 55 anni e 2 tra i 26 e i 35.


Leggi anche: “Posso andare al lavoro? E al parco? Ci saranno controlli? E l’autodichiarazione?” Le risposte del Governo


Controlli a Medicina, arrivano due pattuglie del 5° Reggimento Emilia Romagna

Medicina è senza dubbio il Comune del circondario colpito più duramente dall’emergenza Coronavirus. Per questo motivo i carabinieri del comando provinciale di Bologna hanno comunicato l’intensificazione dei controlli.
Alle pattuglie della compagnia di Imola e della tenenza locale, se ne aggiungono due del 5° reggimento Emilia Romagna per rinforzare i controlli nelle ore diurne (dalle 7 alle 19).

Le nuove norme dell’ordinanza comunale

Venerdì 13 è inoltre entrata in vigore la nuova ordinanza comunale firmata dal sindaco Montanari che prevede norme ancora più stringenti di quelle valide per il territorio nazionale.
Sospesa l’attività di tabaccherie, negozi non di alimentari, bar, ristoranti e chioschi (possibile solo la consegna a domicilio). Chiusi fino al 19 marzo (data “di scadenza” dell’ordinanza) anche parchi, aree verdi, campi sportivi e cimiteri.


Fai click qui per collegarti alla pagina dedicata all’emergenza Coronavirus del Comune di Medicina


Le nuove misure organizzative dell’Ausl per Medicina

Da mercoledì 11 è operativa a Medicina l’équipe territoriale composta da medici di medicina generale ed infermieri territoriali per la sorveglianza e la cura delle persone positive al Covid19 in isolamento domiciliare. 24 i pazienti contattati telefonicamente per la verifica delle loro condizioni di salute, ma anche di eventuali ulteriori necessità. La grande maggioranza di queste persone non hanno particolari problemi e solo in 4 casi il medico di medicina generale ha ritenuto di procedere la visita domiciliare, che non è comunque stata seguita da un ricovero. È inoltre stata attivata una rete che vede coinvolti Comune di Medicina, Ausl, ASP, Protezione Civile, Sfera farmacie, Gruppo Hera e Conad per garantire i servizi essenziali al domicilio alle persone ammalate in isolamento. L’Ambulatorio di Continuità Assistenziale feriale (12-17) della Casa della Salute di Medicina è invece stato temporaneamente sospeso per evitare che i cittadini si muovano da casa oltre che per garantire le risorse all’équipe territoriale. Nei giorni feriali, i cittadini sono invitati a contattare telefonicamente il proprio medico di medicina generale o pediatra di libera scelta che darà loro le corrette indicazioni dopo aver valutato la situazione. L’Ambulatorio di Continuità Assistenziale del sabato e prefestivi, dalle 8 alle 12 sarà attivo, ma con modalità di accesso regolato. Saranno affissi cartelli con le indicazioni da seguire.
Nelle ore notturne e nelle giornate prefestive e festive resta attivo il Numero di Continuità Assistenziale 800 040 050


Leggi anche: Decreto #iostoacasa violato, tre denunce a Castel San Pietro e una a Medicina

Ausl Imola: Le indicazioni per i cittadini

L’azienda sanitaria locale ha emesso negli ultimi giorni le indicazioni da rispettare per i cittadini. In particolare si ricorda a chi dovesse presentare febbre e sintomi respiratori di NON recarsi al pronto soccorso e NON recarsi dal proprio medico, ma di contattare il proprio medico/pediatra e seguire le istruzioni.
Per info è attivo il numero verde regionale 800 033 033 o quello dell’Ausl Imola 0542 604 959.

L’azienda Usl imolese ha inoltre attivato sul proprio sito internet un portale, aggiornato in tempo reale, con tutte le informazioni sulla diffusione del virus e sui comportamenti da mettere in atto.