Quando è arrivato in cima, dopo 9 ore e 30 per scalare gli ultimi, maledetti 962 metri, ha aperto lo zaino da 15 kg. Tra vestiti, picozze e cibo ha estratto una bandiera con una sola parola scritta: Solarolo.
Christian Zauli ha conquistato il 30 gennaio la vetta della montagna più alta del continente americano: l’Aconcagua, 6.962 metri.
«La bandiera? Un’idea nata quando ho scalato il Kilimangiaro l’anno scorso – ammette il 49enne, che lavora in un Autogrill sull’A14 e fa parte del consiglio comunale di Solarolo. «Anche il parroco don Tiziano Zoli ne ha voluta una uguale – scherza.

Zauli ha scoperto l’amore per l’alpinismo durante le escursioni con gli scout e da allora investe soldi e ferie per dar vita a imprese come quella in terra argentina.
«Il sogno adesso è quello di completare il circuito delle Seven Summits, le cime più alte dei sette continenti. L’Everest? Mai dire mai, ma servirebbero 30mila euro…».


Leggi sul numero de Il Nuovo Diario Messaggero il racconto dell’impresa di Christian Zauli!