Non ce l’ha fatta Tommaso Battini, il pilota 23enne precipitato con il suo ultraleggero a Argelato. Il giovane, residente a Castel San Pietro, era stato trasportato al Maggiore di Bologna in gravissime condizioni dopo che alle 10 di stamattina il suo velivolo era finito contro l’argine del fiume Reno posto davanti all’aviosuperficie di Argelato.
Il pilota, trasportato al nosocomio bolognese in elicottero, è deceduto poche ore dopo lo schianto per le ferite riportate.
Sul posto del tragico incidente i vigili del fuoco del locale distaccamento e i carabinieri della stazione di San Giorgio di Piano. I pompieri hanno estinto le fiamme che dalla carcassa dell’ultraleggero si erano propagate alle sterpaglie circostanti.

Battini era arbitro di rugby «un promettente fischietto» come testimonia il comitato regionale della Federazione italiana rugby. Proprio dal mondo della palla ovale italiana arrivano i primi messaggi di cordoglio: il 23enne aveva infatti frequentato l’accademia arbitrale di Tirrenia e nella stagione corrente aveva iniziato a collaborare come consulente arbitrale per le Zebre Rugby Club.
«In memoria di Tommaso Battini – si legge sul sito ufficiale della federrugby nazionale – il presidente federale ha disposto che un minuto di silenzio venga osservato nel weekend del 14-16 febbraio su tutti i campi d’Italia».

Di seguito il video dell’intervento dei vigili del fuoco