Elezioni regionali, a Castel Bolognese il voto disgiunto incorona Bonaccini

871
Foto di repertorio

Sono circa 200 voti a separare il vincitore Bonaccini e la rivale Borgonzoni a Castel Bolognese. Il riconfermato presidente regionale ottiene il 49,46% dei voti nel comune della Romagna Faentina, corrispondenti a 2.493 preferenze. La candidata sostenuta dal centrodestra si ferma al 45,38%, due punti percentuali sopra la media regionale.
Tuttavia, andando ad analizzare i voti ottenuti dalle liste, emerge una disomogeneità: la coalizione di centrodestra supera quella di centrosinistra (47,50% contro 46,73%), segno che il voto disgiunto è stata un’opzione molto esercitata.
Il M5S di Benini si ferma al 4,46%, di cui 3,85% al candidato.

Per quanto riguarda gli altri comuni del nostro territorio, a Casola Valsenio Bonaccini raggiunge il 53,06% staccando di quasi dieci punti la Borgonzoni.
A Riolo il candidato di centrosinistra prende 1.545 voti (1.407 la coalizione) contro i 1.367 voti totalizzati dalla candidata leghista, che prende più voti della lista (1.329).
Per quanto riguarda Solarolo, la percentuale si mantiene sulla media regionale con il 51,15% a favore di Bonaccini (48,44% per la coalizione) mentre Borgonzoni si ferma al 44,44%.